HOT Hostel - шаблон joomla Новости

Proseguendo sulla sinistra si arriva in via Roma (dove c'e' la biblioteca comunale) che a ovest finisce con la Torre Vanga, antico caposaldo romano che prende il nome dal vescovo Federico Vanga che la fece ricostruire. Proseguendo invece a destra si passa in via Gianantonio Manci, da cui si puo' iniziare quello che i trentini chiamano il "Giro al Sass". Si tratta di una tradizionale passeggiata, animata per lo piu' nel tardo pomeriggio in prevalenza dai giovani, che porta in via San Pietro, Largo Carducci, via Oriola e via Oss Mazzurana. Al centro di questa area c'e' Piazza Cesare Battisti, che e' stata ricavata dopo lo smembramento del quartiere popolare di San Benedetto (due affreschi della galleria ad ovest della piazza ricordano questa parte della perduta della citta'). Piazza Cesare Battisti, che risale all'epoca fascista (1923-38) e piazza Duomo rappresentano i due punti della Citta' dove si sono svolte e si svolgono tuttora le piu' importanti manifestazioni religiose, politiche e sociali. L'abbazia di S. Lorenzo, stupendo esempio dell'architettura romana del XII secolo, si erge sul lato di piazza Dante tra la stazione ferroviaria e quella delle auto corriere. La chiesa di S.Maria Maggiore (1520-1524) si erge nell'omonima piazza stretta tra via Prepositura e via Cavour. Il Castello del Buonconsiglio, residenza dal 1255 dei principi vescovi di Trento e oggi sede del Museo Provinciale d'arte e del Museo Storico in Trento, deve la sua denominazione al dosso roccioso su cui venne eretto a ridosso delle mura urbane duecentesche, che era denominato "Malconsey".



Folgaria

L’antica Magnifica Comunità di Folgaria. Di origine tedesco-cimbra, nel corso della sua storia lottò duramente contro il potere feudale dei Conti Trapp di Castel Beseno in difesa dei propri privilegi di libertà ed indipendenza, riuscendo a mantenersi avulsa dalla contea. Della Grande Guerra custodisce tre emozionanti testimonianze: Forte Cherle, Forte Sommo Alto e Forte Dosso delle Somme. I suoi centri frazionali sono sette: Costa, Serrada, Guardia, Mezzomonte, San Sebastiano, Carbonare e Nosellari. L'altopiano folgaretano è ottimamente attrezzato per la vacanza estiva ed invernale con i suoi Palasport e Palaghiaccio. Un curatissimo campo a nove buche consente la pratica del golf in un percorso tra boschi e prati incontaminati Suggestiva la visita alle fortificazioni della I Guerra Mondiale, in particolare al Forte Belvedere rimasto intatto ed attrezzato. D'inverno propone un carosello di 50 km di piste - lo Skitour dei Forti - dotato di innevamento programmato supportato da 20 impianti di risalita tra cui 6 seggiovie quadriposto. I Centri Fondo di Passo Coe e Forte Cherle snodano i loro percorsi tra i forti della I Guerra Mondiale: forte Chierle, Sommo Alto, Dosso delle Somme. L’altopiano offre 19.000 posti letto; in 64 alberghi, 5 residences, 1 camping, rifugi ed appartamenti privati. 17 km da Rovereto Nord (A22), 25 km da Trento.



Fai della Paganella

Fin dall'inizio del secolo l'area della Paganella è stata meta degli appassionati di sci. Oggi la località offre un comprensorio sciistico all'avanguardia, dotato di veloci impianti di risalita con innevamento programmato. Le piste da discesa si sviluppano sul versante nord-ovest della Paganella, la cui cima raggiunge i 2.125 metri di altitudine, e scendono fino al centro di Andalo a ovest e Fai della Paganella a nord, per un totale di 50 km di piste. 13 km dal Casello A22 Mezzocorona-San Michele, 27 km da Trento



Madonna di Campiglio (alt. 1550 m.)

Frazione del comune di Pinzolo, Madonna di Campiglio è tra le più celebri stazioni turistiche dell'arco alpino. Situata nell'alta valle di Campiglio, poco sotto il passo campo Carlo Magno, gode di una felicissima localizzazione geografica nel cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta. Tutto attorno si sviluppa uno scenario di alte montagne che rendono unico il paesaggio: dalle nevi perenni e dai ghiacciai della Presanella e Adamello, alle guglie dolomitiche del gruppo del Brenta. Le fortune turistiche del luogo iniziano nella seconda metà dello scorso secolo, quando la valle di Campiglio divenne meta preferita della nobiltà austroungarica, dopo il soggiorno dell’imperatore Francesco Giuseppe, appassionato montanaro e cacciatore, ospite di Campiglio con l’imperatrice Sissi.



Monte Bondone (alt. 1184-2090m)

Noto anche come l'Alpe di Trento, a soli 10 km dalla città, è un centro di villeggiatura estivo ed invernale dal tipico paesaggio alpestre, al cospetto del Gruppo Brenta. Fu la prima stazione sciistica dell’arco alpino a dotarsi di impianti di risalita.. Nella vasta e soleggiata conca delle Viote si snodano per 30 km gli anelli per lo sci da fondo, mentre i percorsi per scialpinismo ricalcano i sentieri fin sulle vette del Cornetto, e Palon, a oltre 2.100 m di quota. Il Monte Bondone è luogo ideale sia per rilassanti passeggiate, escursioni a cavallo e percorsi in mountain bike. PANAROTTA A 10 km da Levico una stazione sciistica tra i prati del gruppo del Lagorai



Link Utili:

http://www.mondoneve.it/ Indietro

Ultime Novità

Nuovo sito online

è online il nuovo sito di Villa Bertagnolli !!!
 

Un’antica villa nobiliare barocca del XVII secolo sulle colline di Trento per un evento o per una vacanza d’altri tempi immersi nella natura del Trentino

Dove Siamo

Villa Bertagnolli

Strada delle Novaline 42

38123 Trento - Italia

Contatti

  0461 942194 / 942212

  0461 944596

  villa.bertagnolli@gmail.com

Social network

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi tutte le offerte di Villa Bertagnolli e resta aggiornato sulle ultime novità.